1955 – MOTOM T – 98


Lascia stupefatti questa moto unica nel suo genere, opera del celebre ingegnere Piero Remor. L’estetica è straordinariamente innovativa e non si richiama ad alcun modello proposto in precedenza. La linea è caratterizzata da una vistosa sagoma ovale posta centralmente e in posizione inclinata. Potrebbe sembrare il serbatoio, ma è vero solo in parte: il carburante si trova solo nella metà di sinistra, la metà di destra è vuota e funge da zona porta attrezzi (con il tappo del rifornimento). Su ognuno dei due lati della 98T è presente una identica apertura circolare con delle fessure: una è il claxon, l’altra è la presa del filtro dell’aria. Se questa Motom stupisce per le sue soluzioni estetiche, non meno sorprendenti sono le sue peculiarità meccaniche. La sospensione anteriore, per esempio, è a braccio oscillante e comprende anche il parafango. Quanto all’elemento molleggiante non ci sono le tradizionali molle ma dei ben più originali dischi in gomma che agiscono per torsione. Il motore, celato sotto al tunnel centrale, è un monocilindrico a 4 tempi. Il pubblico resta ammirato ma anche un po’ frastornato da tutte queste soluzioni futuribili: il 98T si rivela un insuccesso commerciale e resta in listino solo pochi anni. La sua rivalsa verrà in seguito, quando avrà il privilegio di essere esposto nel tempio dell’arte: il Museum Of Modern Art di New York.

Anni: 1955 – 1960
Esemplari prodotti: 1.736
Design: Piero Remor
Provenienza: CMM Collezione Motociclistica Milanese

BACK / INDIETRO

2007 – confederate – wraith

Sebbene iniziato nel 1999, il progetto della Wraith rimane nel cassetto fino all’aprile del 2003 quando si inizia la costruzione …

1986 – BUELL RR 1000

Erik Buell è un ingegnere americano che ha sempre amato le competizioni, sia da pilota sia da costruttore. La sua …

1976 – BMW R 100 RS – 1000

La Casa di Monaco ha sempre fatto proprio il motto “evoluzione, non rivoluzione”. Quando però la BMW presenta nel 1970 …